Clima: al via la campagna #WeAreTheClimateGeneration. ENEA partner scientifico (ENEAinform@ 12 novembre 2015)

Clima: al via la campagna #WeAreTheClimateGeneration. ENEA partner scientifico
Il pacchetto delle iniziative ENEA in vista di COP21
La notizia sul nuovo numero del settimanale ENEAinform@
Si inaugura oggi alla Camera dei Deputati la prima tappa della campagna #WeAreTheClimateGeneration, un progetto fotografico di 40 immagini di famiglie provenienti da sette Paesi che mira a sensibilizzare i Grandi della Terra alla COP21, la conferenza sul clima di Parigi in programma dal 30 novembre all’11 dicembre 2015. L’ENEA è  partner scientifico dell’iniziativa in qualità di istituzione impegnata nella ricerca sul cambiamento climatico. 
#WeAreTheClimateGeneration è una campagna no-profit ideata da DNS (Do Not Smile), rete di agenzie di comunicazione ambientale attive in sette Paesi, il cui partner italiano è Silverback - Greening the Communication. Obiettivo dell’iniziativa è mettere il cambiamento climatico al centro del dibattito e portare alla COP21 un appello collettivo per fermare il riscaldamento globale. Sette fotografi famosi hanno immortalato le 3 generazioni di sette famiglie di Italia, Francia, Germania, UK, Belgio, Danimarca e Turchia per rappresentare il passaggio del testimone tra le persone coinvolte nel cambiamento climatico. Agli scatti d’autore si aggiungeranno selfie e messaggi che tutti potranno pubblicare sul sito della campagna www.wearetheclimategeneration.com.
Dopo la Camera dei Deputati, la galleria dei ritratti sarà esposta il 27 novembre alla Stazione Centrale di Milano, in occasione di “Train to Paris – 11 to 11”, un’intera giornata sul clima organizzata da Ferrovie dello Stato Italiane, Silverback ed ENEA, poi di nuovo nella Capitale il 29 novembre durante la marcia della Coalizione Italiana per il Clima; infine a Parigi per il Summit.
Alla COP21, l’ENEA nel suo ruolo di ente di ricerca impegnato sia a livello nazionale che internazionale per la definizione di strategie di adattamento e mitigazione ai cambiamenti climatici e per la diffusione di comportamenti e pratiche ecosostenibili, ha designato i due esperti, Massimo Caminiti e Sergio La Motta. Sul tema inoltre, l’Agenzia ha messo a punto un pacchetto di iniziative di comunicazione, informazione e formazione per presentare i risultati delle attività di ricerca e discutere le possibili strategie, a partire ad esempio dalle linee guida per la decarbonizzazione profonda del sistema energetico, nodo centrale del primo evento, la presentazione del Rapporto Pathways to Deep Decarbonization in Italy, curato da ENEA in collaborazione con la Fondazione ENI Enrico Mattei.
In qualità di Agenzia per l’Efficienza Energetica, l’ENEA ha anche presentato l’Energy Efficiency Market Report dell’Agenzia Internazionale per l’Energia (IEA), che ha confermato il ruolo dell’efficienza energetica come primo combustibile del mondo, rimarcando attraverso i dati, la correlazione tra energia e cambiamenti climatici e l’importanza degli investimenti in efficienza per abbattere le emissioni e risparmiare sulla bolletta energetica.
Il percorso dell’ENEA verso la COP21 continua il 19 novembre con il seminario NENS “La Conferenza sul Clima di Parigi: implicazioni per l’Italia e l’Unione Europea”, un tavolo di confronto tra esponenti politici e ricercatori per la definizione della posizione italiana al Summit di Parigi, mentre il 20 novembre verrà presentato lo studio realizzato da ENEA per WWF Italia, incentrato sull’analisi degli scenari e degli interventi più idonei per la crescita eco-sostenibile della Regione Liguria. Il 25 novembre l’ENEA organizza presso la sua sede a Roma la giornata di formazione per giornalistiVerso la COP 21: sfide, problemi e possibili interventi”, in collaborazione con l’Ordine dei Giornalisti del Lazio.
E non è tutto. Nelle sue attività di promozione e divulgazione della ricerca scientifica, l’ENEA ha ascoltato la voce dei giovani e si è fatta ambasciatrice del loro messaggio per il meeting di Parigi. Idee, proposte e inviti ad agire di un gruppo di studenti di un Liceo romano sono stati raccolti in un volume di prossima pubblicazione “#Teens4Change. La voce dei ragazzi per ‘fermare’ la febbre del pianeta - Proposte sul clima verso e oltre COP21”, un manifesto delle nuove generazioni contro i cambiamenti climatici che i rappresentanti dell’ENEA consegneranno alla COP21.
Le altre notizie del nuovo numero del settimanale ENEAinform@, online sul sito www.enea.it:
Nel 2014 sono state evitate emissioni di anidride carbonica pari a 870 milioni di tonnellate, con un risparmio di 550 miliardi di dollari sulla bolletta energetica, grazie a 300 miliardi di dollari di investimenti in efficienza. È quanto emerge dall’Energy Efficiency Market Report dell’Agenzia Internazionale dell’Energia (IEA) presentato all’ENEA. A poche settimane dalla COP21, la Conferenza delle Parti di Parigi sui cambiamenti climatici, il Rapporto della IEA conferma il ruolo strategico dell’efficienza energetica come primo combustibile green al mondo, rimarcando lo stretto legame fra energia e cambiamenti climatici.
A poche settimane dalla scadenza di legge del 5 dicembre, sono 166 le imprese energivore o di grandi dimensioni che hanno effettuato la diagnosi energetica dei propri impianti e trasmesso i dati all’ENEA. Oggi, nel corso del meeting ‘Diagnosi energetica: è iniziato il countdown’, l’Agenzia ha premiato le aziende che per prime hanno ottemperato all’obbligo di legge.
Ha già iniziato a raccogliere i primi dati la boa oceanografica posizionata al largo di Lampedusa, un un vero e proprio laboratorio galleggiante per le ricerche sul clima che andrà ad integrare l’attività dell’Osservatorio Climatico ENEA sull’isola.

Nuovi modelli per valutare nel dettaglio impatto cambiamento clima su turismo e agricoltura

Si chiamano Modelli Climatici Regionali e rappresentano la nuova frontiera della collaborazione europea nel settore della modellistica climatica per dare informazioni su aree sempre più circoscritte, fino a un risoluzione di 5-12 km. Obiettivo: studiare l’evoluzione del clima, valutare l’impatto atteso del cambiamento climatico su scala locale e sviluppare servizi climatici regionali nel campo del turismo, dell’energia e dell’agricoltura.

Previsioni sempre più precise sul sistema climatico terrestre nei prossimi decenni per mettere a punto nuove strategie di adattamento: sono gli obiettivi del progetto di ricerca europeo CRESCENDO che ha preso il via a novembre.
Roma, 12 novembre 2015



Scrivici

Nome

Email *

Messaggio *