Facimu Rota

Tanjt'anni arretu nda chistu paisi,canzuni tarantelli e risati,nuddu era baruni o marchisi ma tutti quanti facianu scialati.Ora non c'è legrizza dintra e i cori,non c'è armonia,non c'esti caluri...e u paisi chianu chianu mori...A genti non è chiu' ...com'era ieri Nescimu fora e facimu rota e sutta a luna di jancu pittata,sentimu i vecchi cunti di na vota facimu festa tutta la nuttata...facimu festa tutta la nuttata...Nescimu fora e facimu rota nscinu a chi la lumera esti dumata,arretu non turnamu a natra vota esti nu viaggiu di sulu andata...esti nu viaggiu di sulu andata Purtamu nchiazza da gutti di vinu e na furnata di pani di granu,chitarri e furmaggiu pecurinu,tambureddhi ed organetti a manu...tambureddhi ed organetti a manu Balla u massaru e u mastru custureri,cu mai ndeppi na stampa d'umbratura ,cu' ndavi a testa china di penseri,e cu' la bucca curma di sarmura...e cù la bucca curma di sarmura balla lu previti e "Mela la grossa",cu' pi tant'anni non pirdiu na missa,cu' ndavi gia' nu pedi dintra a fossa,u malandrinu,u sbirru e lu fissa...u malandrinu u sbirru e lu fissa... Ballanu i giuvanotti e la mastranza,cu' già è vecchia e nova simenza,cu' ndavi bona o mala crianza,u nalfabeta e u puzzu di scienza...u nalfabeta e u puzzu di scienza. Nesciu e balla puru a "Gnura Tota'" cull'ugni longhi e a facci pittata,duci comu "racina liparota" a tutti duna a tutti na brocciata ...a tutti duna a tutti na brocciata Nescimu fora e facimku rota prima i cala fitta la ligghjata sta vita chiu' non torna natra vota ,esti nu viaggiu di sula andata ...esti nu viaggiu di sula andata...

La cattiveria rasenta la schifezza. I vermi strisciano e lasciano una scia putrida di schifezza, di melma appiccicaticcia. Una puzza vomitevole. Il lecchino putrido e infame. Lettere anonime, fango addosso. Potessero mi farebbero sparire dalla faccia della terra. Mai visto schifezze simili durante l'oltre mezzo secolo di vita vissuta. Nonostante questo preferisco a questo quadretto (sopra descritto) vivere i miei sogni. Nescimu fora e FACIMU Rrota. Arretu non si torna natra vota, esti nu viaggiu di sula andata (Gianni Favasuli). Mi piange il cuore dover solo condividere qualche istante di amarezza, che i vermi, lecchini e due di coppe sono riusciti a procurarmi. Ma per fortuna ho le spalle larghe. Nella vita nessuno mi ha regalato mai nulla. Ogni cosa l'ho conquistata con sforzi enormi. E poi le INGIUSTIZIE che a volte tornano. Eppure c'è ancora chi crede di indebolirmi. Di distruggermi. Costoro non sanno che basta una tarantella e pochi versi di Gianni Favasuli per ricaricarmi e darmi quella spinta che ha davvero del sovrumano. Ecco che allora tutto riparte, meglio di prima. Con colori più vivi e una luce all'orizzonte sempre più forte. La POESIA ha avvolto la mia vita. L'emozione ha sempre avuto il sopravvento rispetto alla RAGIONE. Non mi è mai piaciuto fare la vittima, nemmeno di fronte a delle palesi ingiustizie, figurarsi adesso che sono alla fine del viaggio su questa terra. Nescimu fora e Facimu Rota. Arretu non si torna natra vota esti nu viaggiu di sulu andata. E per me il sogno e la poesia tornano più forte di prima. Chitarri e formaggiu pecurinu, tambureddi e organetti a mmanu. Fora lu primu!!! Luigi Palamara, Direttore Editoriale e Fondatore di OnlyNews.Info

Scrivici

Nome

Email *

Messaggio *