Reggio Calabria, neonato deceduto. Intervengono gli inquirenti

Reggio Calabria 26 novembre 2017 - Ancora un tragico caso di morte in un reparto di ostetricia, ancora a Reggio Calabria, agli Ospedali  Riuniti, dove stamane una madre ha dovuto apprendere la terribile notizia. La morte del figlio che aveva appena partorito. Chiamati sul posto, pare dal padre del piccolo, sono intervenuti forze dell'ordine ed avvocati. Nei prossimi giorni, si indagherà se la morte del bimbo sia stata  inevitabile, o  se sussistano responsabilità da parte del personale medico,  da attribuirsi all'omissione di condotte doverose.

Impossibile non ripensare ai tristi episodi registrati a partire dal 2010, e venuti alla luce con l'operazione "Malasanitas", che hanno portato alla condanna di diversi medici ed operatori accusati a vario titolo di falso ideologico e materiale, interruzione di gravidanza senza consenso e altri reati. Recentemente, sono stati condannati tre operatori responsabili della morte di un bimbo per omissione di controllo, due dei quali sono implicati in "Malasanitas". Ciò che lascia maggiormente sgomenti se si pensa al susseguirsi di casi di morte fetale nell'arco degli ultimi anni, è l'apparente inerzia con cui, a seguito di una carenza accertata ed in parte punita, non si è provveduto a rinnovare personale e reparto. Non è possibile, alle soglie del 2018, tollerare un tale rischio di morte nella corsia dove si attende la vita.

Cesare Minniti

Scrivici

Nome

Email *

Messaggio *