Dante, il più grande giornalista di sempre.

Mi piace parlare di sogni, di emozioni. Anacronistico? Chissenefrega.

Odio l'informazione di parte. Schierata palesemente. Tutto diventa strumentale a. Altro che cane da guardia delle democrazia. Cagnolini che riportano indietro il frisbee del padrone di turno. Odio i servi alla ricerca di nuovi padroni. E' ancora più odioso il lettore che diventa fan e non guarda oltre, compiacendosi e specchiandosi nelle cose che gli piace vedere scrivere e non leggerle.


"Oggi ho incontrato i giornalisti e ho raccontato loro un passo della Divina Commedia, quello in cui Dante, arrivato in Paradiso, chiede al suo trisavolo consiglio su quello che dovrà raccontare una volta tornato tra gli uomini. Teme che se dirà tutte le cose che ha visto all'inferno potrà diventare vittima di rappresaglie, ma se non dirà quello che ha visto, questo viaggio cosa l'ha fatto a fare?...bisogna essere testimoni di verità".. Italo Falcomatà

Dante Alighieri il più grande "giornalista" di tutti i tempi. Altro che mezze cartucce dall'inchiostro "simpatico".

Scrivici

Nome

Email *

Messaggio *